Perché viene l’ansia?

Perché viene l’ansia?

In questa situazione ci capita di pensare e ripensare ciò che ci sta accadendo, proviamo a rivalutare mentalmente ciascuna delle situazioni che riteniamo poter essere stata la causa o il trigger del nostro disordine, sottoponiamo ad un attento esame le relazioni personali, la famiglia, il lavoro, i nostri sentimenti, ogni singolo momento della giornata, quello che abbiamo mangiato, come abbiamo dormito, il film che abbiamo visto, senza alcun risultato.
Il problema è che stiamo cercando la causa in maniera disordinata e confusa, senza una direzione precisa; per fortuna c’è una tecnica che è in grado di farci superare ogni cosa, cioè porci la seguente domanda: qual è la cosa peggiore che potrebbe succedere?
Generalmente non sappiamo cosa provoca il nostro disturbo d’ansia; se soffriamo di agorafobia, ci verrà spontaneo spalancare le finestre e cercare di stare in luoghi all’aperto; se soffriamo di glossophobia, ci sentiamo paralizzati e non siamo in grado di parlare in pubblico.
Sappiamo bene che tutto ciò può essere evitato e che non porta a enormi catastrofi, ma non riusciamo a gestirlo.

Condividi questo articolo con chi vuoi bene
Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2017 Frontier Theme