Curare il disturbo d’ansia generalizzato

Curare il disturbo d’ansia generalizzata

Si parla di disturbo d’ansia generalizzato (GAD) quando un soggetto ha dubbi o angosce costanti; essi divengono tesi e ansiosi in situazioni diverse e per attività che sono del tutto normali. Questa condizione altera e colpisce le attività quotidiane, lo stile di vita e il rapporto con gli altri.
Il disturbo d’ansia generalizzato è una condizione molto comune tra la popolazione mondiale e colpisce più spesso le donne; molti soggetti non sono in grado di immaginare la vita senza un po ‘di disordine.

Cause principali

• Cause genetiche.

Lo stress potrebbe avere un coinvolgimento nello sviluppo e nella complicazione del disturbo d’ansia generalizzato. Recenti studi hanno dimostrato che i soggetti sottoposti a situazioni di stress possono dare alla luce bambini che hanno maggiori probabilità di soffrire di ansia generalizzata nei loro primi anni di vita.

Sintomi

I sintomi principali sono: inquietudine, stress e tensione costante senza motivo.
I soggetti cadono in una crisi dopo l’altra; i principali problemi e preoccupazioni si concentrano soprattutto sulla famiglia, le relazioni, i problemi di lavoro, il denaro e le emozioni come l’amore.
Questi soggetti non sanno nemmeno di avere problemi e riducono il tutto ad una preoccupazione irrazionale; l’ansia aumenta quando si rendono conto di non essere in grado di uscire da questa situazione e si sentono impotenti.
Altri sintomi possono includere: difficoltà e incapacità di concentrarsi, affaticamento, suscettibilità, insonnia, incapacità di stare fermo, paura di qualsiasi rumore, tensione muscolare, mal di testa, tremori, nausea, diarrea, depressione.

Prove ed esami medici.

I medici di solito fanno un esame fisico e mentale dei pazienti; questi test si eseguono per escludere altre condizioni che presentano sintomi simili. Si fanno diverse domande al paziente per arrivare a una diagnosi definitiva.

Trattamento medico

Il trattamento medico diviene necessario quando l’ansia generalizzata impedisce di svolgere le attività quotidiane normalmente.
Naturalmente, lo scopo del trattamento è curare l’ansia generalizzata, mentre l’obiettivo immediato è quello di migliorare la qualità della vita quotidiana.
La maggior parte dei medici prescrivono farmaci e la terapia cognitivo-comportamentale (CBT); questo tipo di terapia è molto utile.
Se il trattamento per combattere il disturbo d’ansia generalizzato include l’uso di farmaci non bisogna interromperne l’assunzione improvvisamente e senza consultare il medico.
Alcuni dei farmaci utilizzati sono:

-Inibitori della ricaptazione della serotonina (SSRI). Questi sono i farmaci più comunemente utilizzati dai medici.
-Inibitori selettivo della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina (o noradrenalina) (SNRI)

Nei casi più gravi si possono includere farmaci antidepressivi supplementari quali le benzodiazepine, come alprazolam (Xanax), clonazepam (Klonopin) e Lorazepam (Ativan).
Essi possono essere usati per un breve periodo di tempo se gli altri antidepressivi per l’ansia generalizzata non hanno avuto alcun effetto.
Prestare molta attenzione perché un uso eccessivo di questi farmaci può causare dipendenza.
In molti casi viene usato un farmaco chiamato buspirone; esso ha pochi effetti collaterali, ma deve essere consumato con cura e rigorosamente seguendo gli ordini del medico.

Terapie

Le terapie cognitivo-comportamentali permettono di familiarizzare con la causa che scatena l’ansia, in modo che conoscendo la causa si può essere in grado di affrontare meglio l’ansia generalizzata e prevenire futuri attacchi di panico.

Condividi questo articolo con chi vuoi bene
Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2017 Frontier Theme