Come curare l’ansia: Il trattamento dei disturbi d’ansia

Come curare l’ansia: La cura dei disturbi d’ansia

Se si soffre di un disturbo d’ansia, non è necessario continuare a soffrirne: ci sono trattamenti che possono aiutare a risolverli.
La psicoterapia (chiamata anche “consulenza” ) è un trattamento molto efficace per i disturbi d’ansia. Quando è eseguita da un professionista specializzato (psicoterapeuta), la psicoterapia aiuta a gestire la propria ansia e imparare a gestirla. Il trattamento con la psicoterapia può essere a breve o a lungo termine, a seconda delle esigenze. In alcuni casi, possono essere prescritti anche dei farmaci. Anche se potrebbe essere necessario aspettare del tempo prima di notare i benefici della terapia, è consigliabile non abbandonare gli incontri previsti per l’efficacia del trattamento.
La psicoterapia vi farà sentire meglio.

La terapia cognitivo-comportamentale

Parlare con uno specialista.
La terapia cognitivo comportamentale insegna come gestire l’ansia, aiutando a capire il proprio modo di pensare e di agire quando si è in situazioni di difficoltà.
La ricerca ha dimostrato, infatti, che questo tipo di psicoterapia è molto efficace nel trattamento dei disturbi d’ansia.
Questa terapia viene trattata come se si fosse in una classe con i compiti da fare a casa e le attività di sviluppo delle competenze che insegnano a far fronte all’ansia passo dopo passo. Essa può essere effettuata in gruppi o individualmente e spesso richiede un numero di sessioni.
La terapia cognitivo- comportamentale consiste di due parti principali:
-la terapia cognitiva aiuta a identificare i pensieri irrazionali e negativi che accompagnano l’ansia e insegna a sostituirli con le idee più positive e realistiche;
-la terapia comportamentale aiuta a cambiare la reazione all’ansia e insegna la capacità e le tecniche di rilassamento per aiutare ad affrontare al meglio l’ansia.

Altre forme di psicoterapia
Forse ci sono altre tecniche psicoterapeutiche che potrebbero produrre dei risultati migliori rispetto alla terapia cognitivo- comportamentale ed è anche possibile che questa terapia si sposti ad altre forme di psicoterapia, a seconda delle esigenze del trattamento.
La psicoterapia, inoltre, può anche aiutare a riconoscere e risolvere alcuni problemi nella vostra vita, come ad esempio la dipendenza da droghe o dall’alcool, che possono contribuire a peggiorare i disturbi di ansia.

Il miglioramento richiede tempo
La terapia aiuterà a sentirsi meglio e vengono insegnate le tecniche che permetteranno di gestire l’ansia a lungo termine. I cambiamenti, però, non si verificano nella notte. Il trattamento richiede di impegnarsi nell’avere i miglioramenti e i risultati permettono di affrontare l’ansia e le relative cause. Pertanto, prima di avere dei miglioramenti è necessario attendere un po’ di tempo, anche se, a volte, questo può ostacolare la riuscita del trattamento. Ricordate, però, che la terapia è un trattamento altamente efficace e i risultati ne valgono la pena.
——-
Disturbi d’ansia: la psicoterapia nel trattamento

Gli psicologi possono aiutare le persone a superare un disturbo da stress, un disturbo post-traumatico e un disturbo di ansia.
Di tanto in tanto capita di sentirci ansiosi. Ci sono delle situazioni che tendono a suscitare dei sentimenti di ansia, per esempio, rispettare delle scadenze ravvicinate, importanti obblighi sociali o di guida nel traffico. Questo livello di ansia lieve può aiutare a mantenersi vigili e concentrati per affrontare le situazioni minacciose o difficili.
Le persone che avvertono estrema paura e preoccupazioni durature nel tempo potrebbero tramutarsi in disturbi d’ansia. La frequenza e l’intensità di questo tipo di ansia è spesso debilitante e interferisce con le attività quotidiane. Tuttavia, con un trattamento adeguato ed efficace, le persone con disturbi d’ansia conducono una vita normale.

Quali sono i principali tipi di disturbo d’ansia?
Ci sono diversi tipi di disturbo d’ansia. Ciascuno ha caratteristiche uniche.
Le persone con disturbo d’ansia generalizzato hanno timori o preoccupazioni ricorrenti, per esempio, la salute o la situazione economica, e spesso hanno la sensazione costante che qualcosa di brutto possa accadere. La causa di questi intensi sentimenti di ansia può essere difficile da individuare. Tuttavia, i timori e le preoccupazioni sono molto reali e spesso impediscono alle persone di concentrarsi sulle loro attività quotidiane.
Gli attacchi di panico improvvisi coinvolgono intensi e non provocati sentimenti di paura terribile e di terrore. Di solito, le persone con questo disturbo sviluppano molta paura su quando e come avverrà il prossimo attacco di panico e, quindi, spesso limitano le loro attività quotidiane.
Le fobie sono paure intense su oggetti o su situazioni particolari. Le fobie specifiche possono includere situazioni come vedere alcuni animali o insetti, mentre le fobie sociali coinvolgono la paura di contesti sociali o di luoghi pubblici.
Il disturbo ossessivo- compulsivo è caratterizzato da sentimenti o da pensieri persistenti, incontrollabili e indesiderati (ossessioni) e routine o rituali che il paziente potrebbe cercare per prevenire o per liberarsi da questi pensieri (compulsioni). Esempi di compulsioni più comuni comprendono il lavare le mani, l’eccessiva pulizia della casa per paura di germi, o di controllare ancora e ancora qualcosa per evitare degli errori.
Alcune persone con grave trauma fisico o emotivo, come quelli prodotti da un disastro naturale o da un incidente o da reati gravi, possono verificarsi da disturbi di stress post traumatico. Pensieri, sentimenti e comportamenti diventano seriamente colpiti dal ricordo di questi eventi, a volte per mesi o anche anni dopo aver subito il trauma.
I sintomi comuni in questi disturbi d’ansia sono: estrema paura, mancanza di respiro, tachicardia, insonnia, nausea, tremori e vertigini. Anche se possono verificarsi in qualsiasi momento, i disturbi d’ansia spesso emergono durante l’adolescenza o la prima età adulta. Vi è qualche evidenza che i disturbi d’ansia sono ereditari. A quanto pare, i geni e le esperienze di apprendimento precoce nelle famiglie, rendono alcune persone ad essere più esposte a soffrire di questi disturbi rispetto ad altre.

Perché è importante cercare il trattamento per questi disturbi?
I disturbi d’ansia, se non trattati, possono avere gravi conseguenze. Ad esempio, alcune persone che hanno crisi di ansia ricorrenti e, a tutti i costi, evitano di trovarsi in situazioni che temono per paura di poter innescare una crisi. Questo comportamento di evitamento può creare problemi, se si è in conflitto con le esigenze del proprio lavoro, con gli obblighi familiari o con altre attività di base della vita quotidiana.
Molte persone che non trattano i disturbi d’ansia sono inclini ad avere altri disturbi psicologici, come la depressione, e hanno maggiori probabilità di abusare di alcool e altre droghe. I loro rapporti con la famiglia, gli amici e colleghi di lavoro possono diventare più tesi e le loro prestazioni lavorative possono diminuire.

È efficace la psicoterapia dei disturbi d’ansia?
Certo. La maggior parte dei casi di disturbi d’ansia possono essere trattati in modo soddisfacente dagli psicoterapeuti. Diversi studi hanno dimostrato che sia la terapia comportamentale sia la terapia cognitivo- comportamentale possono essere molto efficace nel trattamento dei disturbi d’ansia.
Gli psicologi trattano la terapia comportamentale cognitiva per aiutare i pazienti a identificare e ad imparare a controllare i fattori che contribuiscono ad avere crisi di ansia.
La terapia comportamentale comporta l’uso di tecniche per ridurre o interrompere comportamenti indesiderati associati a questi disturbi. Ad esempio, insegnare tecniche di rilassamento e di respirazione profonda per contrastare l’agitazione e iperventilazione (respirazione superficiale veloce) che accompagnano alcuni disturbi d’ansia.
Attraverso la terapia cognitiva, i pazienti imparano a capire come i loro pensieri contribuiscono ai sintomi di insorgenza dei disturbi d’ansia e come cambiare quei modelli per ridurre il rischio di reiterazione e l’intensità della reazione. Una maggiore consapevolezza cognitiva del paziente è spesso combinata da tecniche comportamentali che permettono di affrontare gradualmente le situazioni di paura in un ambiente controllato e sicuro.
In concomitanza con la psicoterapia, adeguata ed efficace, il farmaco può svolgere un ruolo importante nel trattamento. Nei casi in cui viene utilizzato il farmaco, il trattamento dei pazienti può essere gestita da un terapeuta in collaborazione con un medico. È importante che i pazienti siano a conoscenza che alcuni farmaci hanno effetti collaterali e, per l’assunzione di questi farmaci, devono essere monitorati dal proprio medico curante.

Come può uno psicologo clinico aiutare una persona che ha un disturbo d’ansia?
Gli psicologi specializzati in psicologia clinica sono qualificati per la diagnosi e il trattamento dei disturbi d’ansia. Gli specialisti clinici, attraverso l’apprendimento accademico, hanno conoscenza su una varietà di psicoterapie, compresa la terapia cognitivo-comportamentale.
A volte gli psicologi usano altri metodi, oltre alla psicoterapia individuale, come la psicoterapia di gruppo. Il gruppo è composto da persone non correlate tra loro ma che hanno in comune un disturbo d’ansia. La consulenza può aiutare i membri della famiglia a comprendere la loro ansia e imparare nuove modalità di interazione che non aggravino i comportamenti legati all’ansia.
Le persone che soffrono di disturbi d’ansia potrebbero anche prendere in considerazione anche di altri programmi di trattamento specializzati dedicati ad affrontare i disturbi d’ansia specifici, come gli attacchi di panico o le fobie.

Qual è il trattamento dello psicoterapeuta?
La maggior parte delle persone che soffrono di disturbi d’ansia possono ridurre o eliminare i sintomi e tornare ad una vita normale dopo diversi mesi di terapia appropriata. Molte persone ottengono una riduzione dei sintomi e il recupero della loro capacità dopo un paio di sessioni di trattamento. E’ molto importante sapere che i trattamenti per i disturbi d’ansia non funzionano immediatamente. Il paziente deve stare tranquillo fin dall’inizio del trattamento proposto. La collaborazione del paziente è fondamentale e si deve avere una netta sensazione di squadra tra il paziente e il terapeuta.
Non esiste un trattamento che possa funzionare con tutti i pazienti. Il trattamento deve essere adattato alle esigenze del paziente e del tipo di disturbo. Il terapeuta e il paziente, inoltre, devono lavorare insieme per valutare se il piano di trattamento è sulla buona strada. A volte è necessario apportare delle modifiche al piano, dal momento che i pazienti rispondono in modo diverso al trattamento. Non vi è alcun dubbio che diversi tipi di disturbi d’ansia possono compromettere seriamente il ruolo di una persona sul posto di lavoro e l’ambiente familiare e sociale. Tuttavia, le probabilità di un recupero a lungo termine, per la maggior parte delle persone in cerca di un aiuto professionale, sono molto buone.
Le persone con disturbi d’ansia possono lavorare con un terapista qualificato ed esperto, come lo psicologo clinico, per riprendere il controllo dei sentimenti e dei pensieri, e, in ultima analisi, il controllo della propria vita.

Il trattamento per i disturbi d’ansia

Molte persone con disturbi d’ansia possono essere aiutati attraverso un trattamento adatto al proprio disturbo. La terapia per i disturbi d’ansia spesso comporta farmaci o forme specifiche di psicoterapia.
I farmaci, anche se non cure, possono essere molto efficaci per alleviare i sintomi di ansia. Oggi, grazie alla ricerca, ci sono molti farmaci disponibili per il trattamento dei disturbi d’ansia. Quindi, se un farmaco non dà il risultato desiderato, generalmente possono essere sostituiti.
In quasi tutti i farmaci prescritti per trattare l’ansia, il medico, di solito, consiglia al paziente una dose bassa per poi aumentare gradualmente fino a raggiungere il dosaggio corretto. Ogni farmaco ha effetti collaterali, ma di solito vengono tollerati con il passare del tempo. Se gli effetti collaterali diventano un problema, il medico può consigliare al paziente di interrompere l’assunzione del farmaco e attendere una settimana o più, nel caso di alcuni farmaci, prima di tentare una nuova terapia. Quando il trattamento è in fase di completamento, il medico può ridurre la dose gradualmente.
La ricerca ha anche dimostrato che la terapia comportamentale e terapia cognitiva comportamentale possono essere efficaci nel trattamento dei disturbi d’ansia.
La terapia comportamentale si concentra sulla modifica di acetoni specifici e utilizza diverse tecniche per ridurre o interrompere un comportamento indesiderato. Ad esempio, la tecnica in diafragmtica è uno speciale esercizio di respirazione che coinvolge respiri lenti e profondi. Ciò è necessario perché le persone che hanno disturbi di ansia soffrono di iperventilazione, respirando rapidamente si può avere tachicardia, vertigini e altri sintomi. Un’altra tecnica è la terapia di esposizione, dove i pazienti vengono esposti gradualmente a ciò che li spaventa e li aiuta a superare le proprie paure.
La terapia comportamentale e la terapia cognitivo-comportamentale insegnano ai pazienti di reagire in modo diverso in situazioni e sensazioni corporee che scatenano gli attacchi di panico e altri sintomi di ansia. Tuttavia, i pazienti imparano a capire come il loro pensiero venga influenzato dai propri sintomi per diminuire la possibilità che si verifichino i sintomi stessi. Questa comprensione dei modelli di pensiero, in combinazione con la tecnica di esposizione e di altre terapie comportamentali, sono efficaci per affrontare quelle situazioni che causano paura. Per esempio, può succedere, durante un attacco di panico, di avvertire dei giramenti di testa e temere di morire, in questo caso l’aiuto consiste nella tecnica utilizzata nella terapia cognitivo-comportamentale: sostituire quel pensiero con un altro più appropriato del tipo “Posso controllare questo sintomo”.

Condividi questo articolo con chi vuoi bene
Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2017 Frontier Theme