Come affrontare la crisi di ansia

Come affrontare la crisi di ansia

In alcuni periodi della vita, vuoi per lo stress, il troppo nervosismo o una situazione temuta, si può subire un attacco d’ansia; esso si manifesta con vari sintomi, come ad esempio tachicardia, mancanza di respiro, iperventilazione, vertigini, sudorazione improvvisa, formicolio alle gambe, tremore e nausea.
Un attacco di panico può verificarsi in qualsiasi momento e durerà da 5 a 30 minuti, le cause possono essere molteplici, ma bisogna fare una distinzione tra cause fisiche e psicologiche.
Le crisi di ansia generata da problemi fisici può essere rilevata dal medico che solitamente è anche in grado di provvedere al rimedio attraverso l’uso di farmaci.
Per le cause psicologiche, bisogna adottare delle misure preventive quali l’armonia, la tranquillità, il relax e il senso di sicurezza; i tre passi per ottenere l’equilibrio spirituale sono:

• controllo del respiro
• meditazione
• visualizzazione

Per controllare la respirazione ci sono due tecniche base dello yoga: la respirazione alternata e la respirazione addominale. Solo la meditazione necessita di essere in un posto tranquillo e rimanere rilassati per almeno 20 minuti; una varietà di meditazione è la visualizzazione, che consiste nel concentrarsi su immagini mentali che ci consentono di raggiungere la calma e dimenticare ciò che ci preoccupa o ci spaventa.
Se, nonostante questi consigli, le crisi persistono è necessario rivolgersi a degli specialisti che trattano problemi psicologici.

Condividi questo articolo con chi vuoi bene
Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2017 Frontier Theme